Gita a Zoom



Ieri sono andata a visitare Zoom con il mio amico A.

Avendo visto altri zoo in passato (tra cui Skansen, a Stoccolma), temevo sarebbe stata una discreta delusione e che l'avremmo visitato in poco tempo uscendone poco convinti. E invece devo dire che è davvero un bel posto. Gli animali sono tutti molto belli e ben curati, gli ambienti sono abbastanza ampi e distanziati, e il parco è davvero ben organizzato.
Ogni giorno c'è una scaletta di eventi con degli addetti\addestratori che danno al pubblico delle informazioni sul tipo di animale in questione, sugli esemplari presenti nel parco e sulle loro abitudini. Anzi, devo dire che è talmente ben organizzato che è difficilissimo partecipare a tutti gli eventi, pur rimanendoci tutta la giornata e decidendo di non andare in piscina (sia io che A. siamo bianchi come mozzarelle, andare in piscina sarebbe stato tipo un suicidio - e poi nessuno dei due ama le piscine pubbliche).

Alla fine siamo usciti alle 18:00 passate, comunque cotti dal sole, sfatti ma oltremodo soddisfatti.

I grandi protagonisti del parco sono indubbiamente Lisa e Ze Maria (foto in alto), i due ippopotami. Simpaticissimi e troppo belli. Era la prima volta che vedevo un ippopotamo dal vivo e sono davvero imponenti come animali. Non fossero che sono delle bestie decisamente pericolose verrebbe voglia di portarseli a casa!

A seguire ci sono senza dubbio le giraffe. Ben quattro (tutti maschi), molto belle ed eleganti. Di nuovo, era la prima volta che vedevo una giraffa dal vivo e mi sono piaciute da matti.


Adorabili i suricati, subito vicino all'ingresso, sono simpaticissimi e un po' più piccolini di quello che ci si aspetta. 


Imperdibili anche le Tigri. Essendo dei gattoni hanno dormito quasi tutto il giorno spaparanzate all'ombra, nel loro angolo preferito, ma la sera, visto il caldo si sono andate a fare il bagno, per la gioia del pubblico (tra cui me e A.). Le vasche sono così verdi perché l'assenza di cloro permette il  naturale proliferare di alghe. L'acqua, nonostante tutto, viene cambiata una volta alla settimana.


Da non perdere è lo show di volo dei rapaci. Davvero bellissimo e emozionante. E poi, a differenza di tutti gli altri animali della struttura, è l'unico modo per ammirarli. Per vederli da vicino, suggerisco di sedersi in alto sulle gradinate. Al netto che, in alcuni punti, volano veramente ad un palmo di mano dal pubblico.



Il premio pigrizia, invece, va alle tartarughe giganti. Nonostante le tigri glielo contendano, è impossibile battere questi tre colossi corazzati che in tutta la giornata hanno fatto due metri a testa in tutto.  In foto Ursus, 125 anni di fancazzismo più totale.



In ogni caso questi sono solo alcuni degli animali presenti, ci sono poi le dolcissime lontre (dei gattoni marroni), i serpenti, i bellissimi fenicotteri, i panda rossi, le gazzelle, le zebre, i pinguini,  e altri ancora. 
E per finire, uno zoo tattile, dove si possono accarezzare caprette e pecore. Temevo di dover lasciare lì A., che si era preso benissimo a coccolare le caprette! L'ho portato via con l'inganno («Non ti preoccupare, dopo ci torniamo, adesso andiamo a vedere le tigri però»).

In definitiva posso dire che è davvero un bel parco, con delle attrazioni adatte sia ai grandi sia ai piccini. 

La Dolce Metà, vedendo le foto, mi ha già chiesto quando ci andiamo insieme.

------------------------------

Angolo della curiosità. Sapete perché con gli ippopotami ci sono tutti quei pescetti? Perchè si nutrono della loro cacchina (in realtà dovrei dire caccona visto che ne producono ottanta chili al giorno) e servono ad aiutare a tenere la vasca pulita!

Commenti

  1. Che carinooooo! Porta anche me!!!!! xD

    Di acqua verde ne so qualcosa visto che ho le tartarughe d'acqua in terrazza e l'acqua è perennemente verde anche se la cambio di continuo.. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vieni a Torino più che volentieri :D
      Merita davvero una gita :D

      Elimina
  2. Ciao, volevo dirti che ti ho nominata per il Liebster Award ;)
    https://recensioniyaoi.blogspot.it/2017/07/liebster-award-2017.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Un commento è sempre molto gradito!

Post popolari in questo blog

Un nuovo inizio

Il karma in cucina

Prima di inziare, ansia da prestazione [Il Grande Giorno™]